Campagna. Del Grande libero (parte 2)

23 March 2012La fortuna mi salverà

A Torino il centro di identificazione e espulsione (Cie) non passa inosservato. É piantato in mezzo a un perimetro di condomini. Centinaia di torinesi ogni mattina si affacciano dai loro balconi sulle gabbie e maledicono il giorno in cui la prigione ha rovinato la reputazione del quartiere. Abderrahim sui balconi invece ci sale per salutare dall’alto gli ex compagni di cella. Dopo essersi fatto cinque mesi al Cie, gli sono rimasti più amici dentro che fuori. E per loro cerca di fare il possibile. Li intervista dai microfoni di una radio locale, gli porta la spesa, partecipa ai presidi contro il Cie. Nella speranza che non vengano espulsi, ma che come Amir, Hassan e Mahmoud siano rilasciati, aspettando tempi migliori.

dal blog di Gabriele Del Grande

La seconda parte della campagna per far conoscere e girare i lavori di Gabriele del grande. Quindi ripeto: condividete e firmate le petizioni sotto perchè fermano lui, ma non le idee. Anzi le moltiplicano! Non si difende una libertà, ma la libertà.

Petizione per il ritorno a casa
Petizione per far circolare i suoi lavori

Saverio Di Giorno

Precedente Campagna. Del Grande libero Successivo Le Ong. L'intervista di Erri De Luca, testimone.